SCRITTI PUBBLICATI

... cliccare sui titoli dei testi per aprire la pagina degli estratti...

RIVISTA KAIRÒS – INTORNO ALLA QUESTIONE UMANA E ALLA PSICANALISI (pubblicazione annuale). Redazione a cura di Maria Antonietta Morale e di Anna Maria Morale, Edizioni ETS:

Enigma della questione umana (in Kairòs 2006/0. Numero interamente dedicato a La questione umana nel pensiero di Aldo Rescio).  
Per-che e senza per-che della depressione (in Kairòs 2007/1, La questione della depressione).
Formazione e lealtà della persona (in Kairòs 2008/2, Formazione dell’analista in questione).
In-difesa (in Kairòs 2009/3, Necessità della difesa: necessità del sintomo).
Introduzione al pensiero di Freud (in Kairòs 2010/4, L’uomo e il bisogno di credere).
Felicità e disagio della vita(idem).
Suggestione del pensiero magico (idem).
Ragioni della fede e fede nella ragione (idem; a cura di Maria Antonietta Morale e Anna Maria Morale).
Al narcisismo non si comanda (in Kairòs 2011/5, Narcisismo)
Sfinge psicanalisi

I QUADERNI DI KAIRÒS (pubblicazione periodica):

L’altro e il violento (nel primo Quaderno aperto/2009, In-form-azione).
Pulsione di morte, orrore-ripudio della morte e patto col demonio (a cura di Anna Maria Morale e Maria Antonietta Morale, nel Quaderno n. 1/2009, Tracce scritte di un primo incontro con la questione umana e il linguaggio della psicanalisi, Depressione e potenza di Eros, potenza di Thanatos).
Danza o coito mortale?  (nel Quaderno n. 1/2009, Tracce scritte).
In natura nulla si crea, nulla si distrugge(nel secondo Quaderno aperto/2010, Pensieri sparsi tra magia, religione e scienza).         
Darwin e Freud;  Intervista a Darwin(idem).
Rilanci (idem; a cura del Gruppo di Ricerca di Kairòs e di Anna Maria Morale).  
Giano bifronte (nel Quaderno n. 2/2011,Tracce scritte di un primo incontro con la questione umana e il linguaggio della psicanalisi, Due parole sul narcisismo).
Madame Bovary e il desiderio di desiderio









Impossibile dedicarsi alla questione della psicanalisi, come pure, sostare con rispetto sulla propria questione se, nonostante l’angoscia che certo procura, non se ne ama l’enigma.